Vuoi fermare gli incidenti d'auto? Studia i quasi incidenti

Un programma pilota a Bellevue, Wash, sta usando video anonimizzati e grandi dati per fermare gli incidenti prima che accadano

Transoft esempio 3

Per una volta, qualcosa di intuitivo si rivela vero: gli incidenti d'auto sfiorati sono un ottimo predittore di incidenti reali su quella stessa strada e le città possono salvare vite cambiando il design delle strade in aree ad alta conflittualità prima che più persone muoiano, come mostra un nuovo studio innovativo sul traffico.

In una prima volta per qualsiasi città degli Stati Uniti, Bellevue, Wash. ha raccolto oltre 5.000 ore di dati da una rete di telecamere ad alta definizione in tutta la sua rete stradale, telecamere che hanno analizzato i modelli persistenti di comportamento pericoloso del conducente per osservare le condizioni stradali che più frequentemente portano a "conflitti" di traffico. (a.k.a.: collisioni sfiorate) sulle loro strade.

I risultati mostrano che gli incidenti avvengono dove avvengono i quasi incidenti.

Dati aneddotici come questo sulle strade afflitte da frequenti quasi incidenti non informano spesso la politica o la progettazione stradale, ma quantificare questi quasi incidenti con dati concreti può aiutare. Fonte: Franz Loewenherz

Dati aneddotici come questo sulle strade afflitte da frequenti quasi incidenti non informano spesso la politica o la progettazione stradale, ma quantificare questi quasi incidenti con dati concreti può aiutare. Fonte: Franz Loewenherz

Per me, il miglior tipo di ricerca è il tipo che mette i dati concreti dietro qualcosa che si sa nelle vostre viscere", ha detto Noah Budnick di Together for Safer Roads, che ha contribuito a facilitare lo studio. E negli ultimi 20 anni o giù di lì, come sempre più governi si sono spostati verso la gestione guidata dai dati, stanno cercando dati migliori per soddisfare quel pilastro "valutazione" di Vision Zero per aiutare a rendere le strade più sicure".

Le riprese video anonime del traffico sono state a lungo una pagina cruciale nel manuale della sicurezza stradale, ma di solito vengono distribuite vicino a singoli progetti di risanamento stradale per periodi di tempo limitati, semplicemente per valutare cosa sta funzionando e cosa no.

Il progetto Bellevue è stato unico perché ha raccolto dati sui conflitti di traffico attraverso 40 telecamere che coprono un intero cittàe perché viene utilizzata un'intelligenza artificiale all'avanguardia per isolare i modelli nei dati.

La città ha lavorato con Transoft, che identifica automaticamente i tipi di utenti della strada e le velocità, le traiettorie e le dimensioni dei veicoli, senza raccogliere informazioni personali di nessuno. (Le telecamere non sono in grado di isolare le informazioni della targa, non sono dotate di tecnologia di riconoscimento facciale e non sono commercializzate per le forze dell'ordine).

Poi, le capacità di apprendimento automatico di Transoft aggregano automaticamente i dati da in tutto il periodo di studio per identificare i modelli di guida persistenti che potrebbero indicare che molte persone stanno guidando in modo irresponsabile, e potrebbe essere il momento di cambiare il design della strada.

Fonte: Franz Loewenherz

Fonte: Franz Loewenherz

Per i nerd di dati nel pubblico, ecco un esempio di come il software ha tracciato la gravità dei conflitti di traffico in una singola intersezione; ogni punto nero rappresenta un distinto quasi-incidente, ed è tracciato in relazione alla velocità del conducente che ha iniziato il conflitto e il suo ?tempo post-incrocio? (in termini grossolani da profano: come vicino di una mancanza l'incidente era, presumibilmente in secondi; i punti nel quadrante rosso rappresentano erano le chiamate più vicine).

Fonte: Franz Loewenherz

Fonte: Franz Loewenherz

La tecnologia di Transoft è unica in quanto permette agli ingegneri del traffico di osservare il filmato reale del peggiore due cose che sono ardue, se non impossibili, per le persone che pianificano le nostre strade. Gli ingegneri che vogliono apportare miglioramenti alla sicurezza stradale focalizzati sui dati negli Stati Uniti sono tipicamente costretti a fare affidamento su anni di dati di incidenti automobilistici faticosamente raccolti dai rapporti della polizia, che spesso è riportato in modo imperfetto e anche quando è Raccolti rigorosamente, i dati sugli incidenti forniscono informazioni significative agli ingegneri solo dopo che tonnellate di persone hanno già stati in incidenti d'auto.

La piattaforma di analisi della sicurezza di Transoft Solutions ha sfruttato le telecamere del traffico di Bellevue e ha catturato dati su 20.000 conflitti di traffico gravi associati a 8,25 milioni di utenti della strada in una sola settimana.

Non abbiamo bisogno di aspettare cinque anni per aspettare che le persone si facciano male e diventino punti di dati", ha detto Franz Loewenherz, pianificatore principale dei trasporti per la città di Bellevue. Con questa tecnologia, possiamo ottenere così tanti dati che possiamo essenzialmente comprimere cinque anni di informazioni [che otterremmo da una fonte di dati sul traffico più tradizionale] in una sola settimana. I conflitti sono il canarino nella miniera di carbone; possono darci quell'avvertimento precoce di ciò che sta succedendo essere un problema, così possiamo iniziare a pensare a come cambiare il design prima che la gente si faccia male".

Quello che Lowenherz e i suoi colleghi hanno osservato sulle strade di Bellevue quantifica realtà che saranno tristemente familiari ai non guidatori di tutta l'America. I ciclisti, per esempio, rappresentavano solo lo 0,1% degli utenti della strada osservati sulle strade della città, ma avevano dieci volte più probabilità di essere vittime di un incidente mancato rispetto agli automobilisti. Questo in parte perché le telecamere anche ha osservato che più del 10 per cento dei conducenti di Bellevue stavano accelerando quando hanno passato una telecamera, e la metà di quei conducenti stavano infrangendo il limite locale di 11 miglia all'ora o più.

Quei dati hanno aiutato il DOT a capire perché la loro crisi di violenza stradale stava colpendo in modo così sproporzionato pedoni e ciclisti. Dal 2010 al 2019, il cinque per cento di tutte le collisioni nella città di Bellevue ha coinvolto non guidatori, ma gli utenti vulnerabili della strada hanno rappresentato uno sconcertante 49 per cento delle lesioni gravi e dei decessi, secondo Lowenherz.

Ciò che osserviamo nei dati sugli incidenti è confermato nei dati sui conflitti", ha aggiunto. E ora che lo sappiamo, possiamo cercare i conflitti persistenti e fare dei cambiamenti strategici".

Anche coloro che potrebbero non mettere mai piede nella città di Bellevue nella loro vita potrebbero potenzialmente beneficiare del primo studio di questo tipo. Questo perché il software di Transoft aggrega anche i dati di tutte le 80 città con cui lavora in tutto il mondo e usa queste informazioni per aiutare a fare raccomandazioni sugli interventi stradali che hanno effettivamente funzionato.

Più dati raccogliamo, più possiamo collaborare con gli ingegneri per aiutare a raccomandare progetti efficaci, non solo per una singola città, ma per le città di tutto il mondo", ha detto Charles Chung, vice presidente per la sicurezza dei trasporti alla Transoft. Stiamo producendo telecamere, ma stiamo anche producendo una base di conoscenza condivisa che siamo in grado di condividere con altre città per salvare vite umane".

Più punti di dati vengono aggiunti a questo pool, più facile sarà prevedere il comportamento pericoloso del conducente ogni cosa e implementare significativi cambiamenti stradali per creare strade "auto-applicative" che impediscano naturalmente ai conducenti di uccidere le persone, riducendo al contempo la necessità dell'intervento della polizia per comportamenti come l'eccesso di velocità. Questo sosterrebbe uno dei principali obiettivi del movimento #DefundThePolice e rendere le strade più accessibili per le persone di colore che affrontano ogni giorno la terrificante possibilità di violenza statale sulle nostre strade.

Collettivamente, come industria, non vogliamo solo un pool di dati, vogliamo un lago di dati", ha detto Loewenherz. Vogliamo che le comunità di tutto il mondo siano in grado di dire: "Ho questo tipo di incrocio con questo tipo di caratteristiche stradali e questi tipi di conflitti continuano a verificarsi; quali comunità hanno qualcosa di simile? Cosa hanno fatto? Cosa ha funzionato?" Come città di Vision Zero che vuole porre fine alle morti sulle strade entro il 2030, vogliamo essere proattivi. Vogliamo andare oltre gli incidenti come indicatore di dove dovremmo intervenire. E ora possiamo farlo".