Guidare una visione a zero: Domande e risposte con Keith T. Kerman

Vice commissario presso il Dipartimento dei servizi amministrativi della città di New York (DCAS) e primo funzionario capo della flotta della città

Oggi, Together for Safer Roads si è unita alla città di New York in occasione del suo 30° Salone annuale delle attrezzature e dei veicoli per evidenziare le organizzazioni che sostengono le iniziative Vision Zero e Clean Fleet della città di New York, tra cui le aziende associate TSR AB InBev, AT&T, PepsiCo e Geotab. Durante la fiera, abbiamo avuto l'opportunità di sederci con Keith T. Kerman, Chief Fleet Officer di NYC, per conoscere il suo ruolo nella Vision Zero del sindaco de Blasio.

D: In che modo la flotta di New York City sta aiutando a porre fine alle morti e agli infortuni da traffico sulle strade di New York?

A: New York City ha vissuto il suo anno più sicuro da record nel 2017. È stato il nostro quarto anno consecutivo di calo delle vittime. Da quando NYC è diventata la prima città americana ad adottare Vision Zero nel 2014, gli incidenti stradali della città sono diminuiti del 28% con un calo del 45% degli incidenti pedonali. La diminuzione a NYC ha avuto luogo mentre gli incidenti mortali a livello nazionale sono aumentati di oltre il 15 per cento.

Con oltre 30.000 veicoli, la flotta di NYC è la più grande flotta singola che opera a NYC e ha un ruolo importante da svolgere nell'ambito di Vision Zero. I veicoli di proprietà della città sono stati parte della riduzione complessiva degli eventi mortali. Nel 2014, quando Vision Zero è stato lanciato per la prima volta, ci sono stati otto eventi mortali che hanno coinvolto veicoli della città in attività di risposta non di emergenza fino a luglio 2014. Nei quasi quattro anni successivi, ci sono stati quattro eventi mortali totali.

Lavorando in collaborazione con le nostre agenzie sorelle, Fleet ha implementato una vasta gamma di iniziative. Abbiamo formato più di 44.000 dipendenti alla guida sicura, creato un primo sistema di tracciamento delle collisioni in tutta la città chiamato CRASH e vietato l'uso di telefoni cellulari a mani libere ai conducenti.

Inoltre, al salone della flotta dello scorso anno, nel maggio 2017, abbiamo pubblicato un primo piano di transizione della flotta sicura (SFTP) in collaborazione con il centro Volpe del DOT degli Stati Uniti. Il piano stabilisce che tutti i veicoli acquistati per l'anno fiscale 18 e oltre devono includere la migliore tecnologia di sicurezza disponibile, tra cui, ove applicabile, la frenata automatica di emergenza, le protezioni posteriori e laterali dei camion e le telecamere di retromarcia. Alla fiera di quest'anno, stiamo annunciando l'acquisto di più di 12.000 nuovi componenti di sicurezza per i veicoli della città come parte del SFTP. Questo include l'installazione di oltre 1.750 protezioni laterali per camion sui veicoli della flotta di New York, rendendolo il più grande programma di questo tipo nella nazione. È stato dimostrato che le protezioni laterali riducono la mortalità delle collisioni dei camion con i pedoni del 20% e con i ciclisti del 60%.

D: È chiaro che NYC Fleet è all'avanguardia nell'investire in soluzioni tecnologiche. Qual è il prossimo passo per gli interventi tecnologici di NYC Fleet?

A: Una delle nostre iniziative di Vision Zero è quella di collaborare con le flotte del settore privato e le aziende di tecnologia delle flotte per promuovere la sicurezza in modo più ampio per il settore delle flotte. Per quanto grande sia la nostra flotta, la maggior parte dei veicoli che operano a NYC sono di proprietà privata.

NYC Fleet attualmente utilizza dispositivi di tracciamento dei veicoli, sistemi di gestione della flotta e soluzioni di sicurezza preventiva per analizzare le informazioni e i comportamenti di sicurezza della flotta. Ma ogni giorno, aziende emergenti e grandi stanno portando sul mercato nuove tecnologie di sicurezza. Siamo impegnati a lavorare in collaborazione con queste aziende per testare l'efficacia delle nuove tecnologie e promuovere l'accesso condiviso ai dati rilevanti per migliorare la sicurezza. Questo è esattamente il motivo per cui abbiamo collaborato con Together for Safer Roads, per attingere alla sua rete in modo da poter promuovere l'innovazione e condurre un benchmarking strategico. NYC ha anche recentemente annunciato delle partnership per analizzare i dati della flotta con le università locali.

Per esempio, sappiamo che gli incidenti stradali sono a più alto rischio quando coinvolgono l'intersezione di persone, veicoli e strade. Il nostro Safe Fleet Transition Plan 2017 include lo studio e la valutazione di nuove tecnologie di sicurezza. NYC Fleet e Together for Safer Roads stanno discutendo su come diverse nuove tecnologie potrebbero mitigare questo rischio, in particolare per quanto riguarda i veicoli grandi e lenti e i camion che entrano spesso in contatto con gli utenti della strada in generale, come pedoni e ciclisti.

D: In che modo NYC Fleet sta creando una cultura della sicurezza per i suoi autisti che operano i 27.000 veicoli di proprietà e in leasing della città?

A: Alla NYC Fleet emettiamo Politiche e regole della città per le operazioni del veicolo e della flotta, come il NYC Fleet Management Manual e il City Vehicle Driver Handbook. Ma, altrettanto importante, stiamo offrendo il programma di guida difensiva dello Stato di New York, gratuitamente, a tutti gli operatori autorizzati dei veicoli della città. Il corso è di una giornata intera e si concentra sulle migliori pratiche per un funzionamento sicuro del veicolo e ha una nuova sezione che abbiamo sviluppato specificamente per Vision Zero.

DCAS collabora anche con agenzie come DOT e TLC su iniziative di formazione. DOT, TLC e Families for Safe Streets hanno sviluppato un potente video, chiamato "Drive Like Your Family Lives Here", che viene mostrato a tutti i nostri corsi di formazione. Anche la NYC Taxi & Limousine Commission ha recentemente sviluppato La sicurezza prima di tutto: Formazione Vision Zero per autisti professionisti per rivedere cinque scenari di guida pericolosi legati all'eccesso di velocità, alla condivisione della strada con i ciclisti, alla guida affaticata, alla guida distratta e alle svolte a sinistra.

Inoltre, gli interventi basati sulla tecnologia stanno migliorando direttamente la nostra cultura della sicurezza. Installando le unità di registrazione in tutti i veicoli della flotta, monitoriamo la velocità e le informazioni sulla posizione, il funzionamento al minimo, l'uso delle cinture di sicurezza e i codici di manutenzione, oltre a gestire l'uso e il rifornimento di carburante. Queste unità non hanno un impatto sul funzionamento del veicolo e non richiedono alcuna azione da parte del conducente, ma ci aiutano a capire meglio e a migliorare le nostre pratiche di velocità e sicurezza mentre lavoriamo per ridurre le collisioni.

D: Infine, perché è spinto a salvare vite?

A: Nella mia città natale, nel Massachusetts, tre studenti della mia classe del liceo sono morti in incidenti legati ai veicoli, un altro è stato gravemente ferito, e anche la mia vicina di casa ha perso la vita, poco dopo aver preso la patente. Ho ritardato a prendere la patente all'inizio della mia vita, decidendo che sarebbe stato meglio sopravvivere e andare al college. Questi problemi impattano e minacciano tutti noi, specialmente i giovani, e c'è una quantità enorme che possiamo fare per rendere le strade più sicure. Come parte di Vision Zero, Fleet ha un ruolo che può svolgere sia a livello locale che più in generale, ed è qualcosa che tutti noi di DCAS sentiamo fortemente.